The Widgipedia gallery
requires Adobe Flash
Player 7 or higher.

To view it,

DDA international

Benvenuto, qui troverai molti consigli utili per te e il tuo pc, se sei anche uno studente visita le nostre sezioni apposite!

da ora puoi anche visitare la nostra sezione telefilm in cui gustarti le migliori serie tv! buon divertimento!


VERSIONI DI LATINO EXTRA (in ordine alfabetico)

Amor di patria

 

Nihil est paytia dulcius; nihil optabilius,nihil iucundius; regionem igitur et urbem, ubi maiores nostri domicilium collocaverunt, ubi est domus avita, ubi parentes et sodales et amici vitam degnut, carissimam habemus et summo amore diligimus. Sunt quidem multae urbes clariores atque opulentiores quam nostra; at omnibus patriam anteponimus. Non aliter optim i filii matrem et patrem unice diligunt, nec parentes fama clariores aut copiis ditiores exoptant. Miserrima vero est exulis vita; etiam si sponte exulavit atque, ampliorum bonorum cupidus,ex patria migravit et ubi nuc vitiam degit divitiis abundat, attamen regionis et civitatis suae desiderium in corde tenet et patriae suavissimae imaginem in oculis et in animo habet; patrium sermonem audire cupit; parentum et amicorum vultum videre toto animo appetit. Neque ullum tempus exuli incundius erit quam dies reditus.

 

Non c'è nulla più dolce della patria; niente più desiderabile, niente più gioioso ; infatti riteniamo assai cara e amiamo con somma dedizione la regione e la città , dove i nostri antenati collocarono la loro casa, dove i genitori e i comapagni e gli amici passano la vita. Ci sono anche molte città più illustri e ricche della nostra, ma noi anteponiamo a tutte la patria.non altrimenti io figli amano la madre e il padre in modo unico, nè deisderano genitori più illustri per fama e più ricchi di beni. la vita degli asuli è assai sventurata; anche se l'esule è migrato per sua volontà e desideroso di beni più ricchi, se ne andò dalla patria e dove ora vive è ricco, tuttavia ha nel cuore la nostalgia della sua città e regione e ha negli occhi e in animo la dolcissima immagine della sua patria, desidera sentire la lingua paterna; desidera con tutto il cuore vedere il volto dei parenti e degli amici.nessun momento è più gioioso per l'esule che il giorno del ritorno .

La leggenda di Arione

 

omnia maria, omnes terrae arionis nomen cognoscunt.eius cantu fluminum aquae stabant atque sub unius arboris umbra vicini iacebant agni et lupi, canes et lepores.vixerat diu arion apud periandrum, corinthiorum regem;is per multos annos apud se arionem detinuerat multasque divitias ei donaverat.arion autem in patriam suam redire cupiebat:navem igitur conduxit et profectus est.nautae vero contra eius vitam coniuraverunt,ut eum pecunia et donis privarent:immo in mare arionem deicere statuerunt.tum ille citharam suam sumpsit, suavem cantum cecinit et in undas se demisit.delphinus, eius voce et citharae sonitu laetus, tergo suo arionem accepit et salvum in litore deposuit.

 

Tutti i mari, tutte le terre conoscono il nome di arione. al suo canto le acque dei fiumi si fermavano e agnelli e lupi, cani e lepri, si riposavano all'ombra di un solo albero. a lungo arione era vissuto presso periandro, re di corinto; egli per molti anni aveva trattenuto presso di se' arione e gli aveva donato molte ricchezze. ma arione voleva tornare nella sua patria: prese dunque una nave e parti'. ma i marinai congiurarono contro la sua vita per privarlo del denaro e dei doni: anzi decisero di gettare in mare arione. allora egli prese la sua cetra, canto' una melodia soave e si getto' tra le onde. un delfino, rallegrato dalla sua voce e dal suono della cetra, prese sul suo dorso arione e lo depose salvo sulla spiaggia.

La sconfitta di Canne


Hannibal in Apuliam pervenerat: contra Carthaginensium exercitum Paulus Aemilius et Terentius Varro ab urbe Roma signa moverunt. Paulus ad cunctationem propensior erat; Varro contra, Paulo audacior atque ferocior, acriora consilia agitabat. Consules cum legionibus apud Cannas castra loco munitissimo posuerunt; ibi insitam Varronis temeritatem fortuna; levium proeliorum successu, aluerat: Varro ideo aciem instuxit et prior signum pugnae dedit. Hannibal vero Romanorum exercitum in insidias deduxit, et maxima cum caede superavit. Nusquam gravius vulnus res publica Romanorum accepit; Paulus Aemilius, telis gravissime vulneratus, humi iacebat cruore oppletus et tribuno cupienti (che desiderava) illium (lui) servare ita dixit: "Potius tu celerrime equum conscende et cladem gravissimam Romae (locat.) patribus nuntia. Bene cingent patres urbem valididissimis munitionibus et serabunt ab hostibus: ego melius hic vitam amittam inter meos milites!"

 

annibale era giunto in puglia paolo emilio e terenzio varrone mossero le insegne dalla citta di roma contro l'esercito cartaginese. paolo era più propenso alla cautela, varrone era contro, paolo più audace e feroce sosteneva più aspri proponimenti. i consoli si attestarono con le legioni e posero l'accampamento presso un luogo protetto; li la sorte aveva favorito la insita temerarietà di varrone con il successo di scaramucce. perciò varrone schierò e diede per primo il segno dell'attacco. annibale trascinò in un tranello l'esercito romano e con grande strage lo sconfisse, mai in pericolo maggiore si trovò la repubblica romana paolo emilio colpito gravemente da un dardo giaceva al suolo coperto di sangue ed al tribuno che desiderava salvarlo disse "meglio che tu monti a cavallo e velocemente annunzi la gravissima sconfitta ai senatori di roma. bene cingano i senatori la città con validissime difese:io è meglio che perda la mia vita fra i miei soldati.

Le avventure di Ulisse

 

Ulixes ab Ilio Ithacam, patriam suam, navigabat; sed, undarum impulsu, apud Ciconas pervenit et Ismaron eorum oppidum, expugnavit et praedam sociis donavit. Inde ad Lotophagos , homines minime malos, pervenit; illi loton edebant: is cibus suavissum erat, sed omnium rerum,etiam carissimarum, oblivionem parabat.
Ab Lotophagis ad Cyclopem Polyphemum, Neptuni filium, crudelissimum inter omnes Cyclopas, navem duxit. Nulla belua immanior atque crudelior fuit Polyphemo: unum oculum hic in fronte gerebat; hominum corpora non minus quam ovium carnem vorabat; lac et vinum pariter hauriebat. Polyphemus Ulixem cum sociis in spelunca accepit et clausit: nam eos vorare cupiebat. Ulixes ingenii sui calliditate, se et socios felicissime liberavit.

 

Ulisse da Ilio navigava verso Itaca sua patria; ma spinto dall'impulso delle onde, giunse presso Cicona e espugnò la loro città Ismaro e donò ai compagni il bottino. Poi giunse dai Lotofagi, uomini minimamente malvaggi, quelli mangiavano il loto: questo cibo era assai dolce ma dava l'oblio di tutte le cose anche quelle più care. Dai Lotofagi condusse la nave dal ciclope Polifemo figlio di Nettuno il più crudele di tutti i ciclopo. Infatti nessuna belva fu più crudele e immane di Polifemo: aveva in mezzo alla fronte un solo occhio, divorava i corpi degli uomini non meno che la carne di pecore, ugualmente si cibava di latte e vino. Polifemo prese e chiuse Ulisse nella spelonca con i compagni: infatti li voleva divorare, ma Ulisse con la furbizia del suo ingegno, liberò se stesso e i suoi compagni felicemente.

Una favoletta famosa

 

olim vulpes, quam fames vehementer opprimebat, in alta vinea uvam rubentem viderat eamque, summis viribus saliens, appetebat. Cum pluries conatus suos iteravisset, numquam dulcem illum cibum potuit attingere, beluae fames igitur gravior semper erat neque vulpes rationem inveniebat, qua illam placaret. Uvae racemi ante vulpis oculos manebant, proximi iidemque remotissimi, quos ut tangere non potuit, vulpes a vinea maerens discessit exclamans: Nondum sunt maturi, nolo acerbos sumere. Hac fabula vetus ille poeta homines ita monet:Qui verbis elevant quae facere non possunt, hoc exemplum sibi adscribere deberunt. 

 

Una volta una volpe, che era oppressa dalla fame, su un'alta vigna aveva visto dell' uva rosseggiante e quella, saltando con tutte le forze, cercava di raggiungerla. Avendo ripetuto più volte i suoi tentativi, non potè raggiungere quel dolce cibo. La fame dell'animale però era sempre più forte e la volpe non trovava una soluzione che la placasse (la fame). I grappoli di uva restavano davanti gli occhi della volpe, vicini ma allo stesso tempo lontanissimi, così siccome non potè toccarli, la volpe scese dalla vigna lamentandosi ed esclamò: "Non sono ancora maturi, non voglio prenderli acerbi". Questa favola ammonisce così gli uomini: Coloro che con le parole sminuiscono ciò che non possono fare, devono attribuire questo esempio a se stessi.

Vita degli uomini primitivi

 

antiquis temporibus prisci homines cum feminis suis et filiis atque filiabus asperam vitam agebant; nam neque domos habebant neque certa domicilia, sed per incerta loca errabant ubi victum et quietem poterant invenire. nocturnis et aestivis horis in specubus tutis quiescebant vel sub fagorum ramis, flammarum tutela muniti dormiebant. interdum etiam in quercuum ramis somnum quaerebant; sic enim tutum perfugium et tranquillum otium contra beluarum impetus et luporum morsus sibi parabant. dies novus novam fiduciam miseris praebebat; per silvas et agros errabant et terrae fructus colligebant; sic ciborum desiderium placabant. cum clavas ligneas vel saxa acuta adhibuerunt, feras necabant et coquebant: sic vitae cultum mutaverunt.

 

Anticamente gli antichi uomini conducevano una vita difficile con le loro donne e i figli e le figlie, infatti non avevano case nè fisse dimore, ma erravano per incerti luoghi dove potevano trovare vitto e tranquillità. Nelle ore notturne e estive riposavano in grotte sicure o sotto i rami dei faggi, dormivano muniti dalla tutela delle fiamme. Ogni tanto anche riposavano sui rami delle querce, così infatti si procuravano un rifugio sicuro e un ozio tranquillo contro l'impeto delle belve e il morso dei lupi. Ogni giorno nuovo procurava ai miseri una nuova fiducia; erravano attraverso i boschi e i campi e raccoglievano i frutti della terra; così placavano il desiderio dei cibi. Quando usarono le clave di legno e sassi appuntiti, uccidevano le bestie e le cuocevano: così cambiarono lo stile di vita.